logo segugio.it
LA SOCIETÀ
Chi è Segugio.it Chi è PrestitiOnline Opinioni degli Utenti News Prestiti Newsletter Segugio.it Rassegna Stampa Segugio.it Spot TV Segugio
IL SERVIZIO
Come Funziona Condizioni di Utilizzo Informativa Privacy Privacy Istituti Partner Informativa Trasparenza Confronto Prestiti
SOCIETÀ CONFRONTATE
PrestiamociIBL BancaSmartikaSantander Consumer BankFindomestic BancaConTe PrestitiYounited Tutte le Finanziarie Confrontate Finanziamenti Offerti
TUTTE LE NEWS DI SEGUGIO
Numero Verde: 800 999 555
Logo Segugio.it

Prestiti più brevi per ristrutturazione e arredamento

13/11/2013

Nel giro di pochi anni le caratteristiche dei prestiti concessi agli italiani hanno subito non pochi cambiamenti: da una parte la crisi economica ha fatto la sua parte, inducendo gli istituti bancari a ridurre il numero delle erogazioni e, di conseguenza, portando i clienti a rimodulare le proprie richieste, soprattutto per quanto riguarda l’ammontare del prestito richiesto e la durata del finanziamento.

Dall’altra parte, però, negli ultimi anni si sono presentate alcune opportunità fiscali che hanno incentivato gli italiani ad intraprendere lavori di ristrutturazione per la propria casa e ad affrontare spese per l’arredamento: stiamo parlando del bonus Irpef che dal 2012 è stato elevato dal 36 al 50% fino alla fine del 2013, al quale, a partire dallo scorso giugno, si è aggiunto anche una detrazione fiscale di pari entità per gli acquisti di elettrodomestici e mobili.

Proprio sui prestiti con finalità di ristrutturazione e arredamento, l’Osservatorio di PrestitiOnline.it ha effettuato un’analisi per scoprire quali sono stati i cambiamenti più rilevanti avvenuti tra il 2010 e l’anno in corso. Dal confronto temporale emerge un cambiamento netto su entrambe le finalità per quanto le tempistiche di rimborso del prestito da parte del cliente: se per i prestiti di ristrutturazione la durata di 120 mesi nel 2010 rappresentava il 30,61% sul totale dei prestiti concessi e nei primi dieci mesi del 2013 è scesa al 18,25%, per i prestiti dedicati all’arredamento tale durata è praticamente scomparsa, mentre due anni prima la quota sul totale era dell’11,76%. Il prestito di 48 mesi è così diventato quello più gettonato sia sulla ristrutturazione, sia per l’acquisto di mobili (nel 2013 rappresenta rispettivamente il 20,89% e 25,68%). Da notare anche che tra chi acquista mobili sta prendendo sempre più piede anche il prestito più breve, cioè quello di 18 mesi: rispetto al 2010 questa durata è passata da 4,26% a 7,47%.

Alcune sorprese emergono anche sugli importi dei prestiti erogati su PrestitiOnline.it. Anche se rimangono una quota minore sul totale dei finanziamenti concessi, i prestiti con importo inferiore ai 2.500 euro hanno avuto un trend in crescita e nel giro di tre anni sono saliti dallo 0,5% all’1,7% per le ristrutturazioni, e dall’1,6% al 7,5% per l’arredamento. Per contro, su entrambe le finalità si contraggono gli importi sopra i 25.000 euro che, nel caso dell’arredamento, ricoprono una quota sempre più marginale (2,18% nel periodo gennaio-ottobre del 2013). Questi dati sulle classi d’importo rilevate dall’Osservatorio di PrestitiOnline.it trovano riscontro anche sull’analisi dell’importo medio, il quale è sceso da 16.266 euro del 2010 all’odierno 14.321 euro per le ristrutturazioni, mentre per la finalità arredamento è passato da 10.728 euro a 9.173 euro.

Sui prestiti per ristrutturazione si denota anche un graduale spostamento a livello geografico degli erogati, in particolare da sud a nord: anche se le regioni meridionali e le isole rimangono i maggiori beneficiari di questa tipologia di finanziamento, la loro quota è scesa dai 52,9% al 47,9% sul totale, mentre le regioni del nord sono salite complessivamente dal 26,3% al 31%. Per quanto riguarda le province, invece, è quella di Torino ad aver guadagnato posizioni nella top ten degli erogati, passando dal settimo posto del 2010 al quinto del 2013 (con una quota attuale del 3,69% sul totale nazionale) alle spalle di Roma (a cui vanno il 10,82% dei finanziamenti per ristrutturazione erogati), Napoli, Milano e Catania. Salgono nei primi dieci mesi del 2013 le province di Roma e Napoli per quanto riguarda i prestiti di arredamento: assieme costituiscono quasi un quinto (più precisamente il 18,81%) degli erogati.

Come valuti questa notizia?
Prestiti più brevi per ristrutturazione e arredamento Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
CONSULENZA GRATUITA
OPPURE CLICCA QUI PER ESSERE RICHIAMATO
PRESTITI PERSONALI