logo segugio.it
LA SOCIETÀ
Chi è Segugio.it Chi è PrestitiOnline Opinioni degli Utenti News Prestiti Newsletter Segugio.it Rassegna Stampa Segugio.it Spot TV Segugio
IL SERVIZIO
Come Funziona Condizioni di Utilizzo Informativa Privacy Privacy Istituti Partner Informativa Trasparenza Confronto Prestiti
SOCIETÀ CONFRONTATE
PrestiamociIBL BancaSmartikaSantander Consumer BankFindomestic BancaConTe PrestitiYounited Tutte le Finanziarie Confrontate Finanziamenti Offerti
TUTTE LE NEWS DI SEGUGIO
Numero Verde: 800 999 555
Logo Segugio.it

Prestiti: guida alla cessione del quinto

07/10/2014

Prestiti: guida alla cessione del quinto

Tra le molteplici categorie di finanziamenti, quella che si sta maggiormente distinguendo per garanzie in favore dei soggetti richiedenti e delle società finanziarie è sicuramente la cessione del quinto. Questa particolare forma di finanziamento infatti consente di ottenere una somma di denaro senza che il soggetto richiedente debba fornire alcuna garanzia personale, l'importante è che sia un lavoratore dipendente o un pensionato.

A rimborsare il prestito sarà la stessa azienda o ente datore di lavoro, trattenendo l'importo della rata (che non può essere superiore al quinto dello stipendio) dalla busta paga. Il soggetto pertanto potrà ottenere il prestito anche se protestato o comunque considerato cattivo pagatore, visto che la garanzia è certa.

A garanzia ulteriore del prestito vi è infatti una polizza assicurativa (obbligatoria per legge): qualora il soggetto dovesse perdere il lavoro oppure dovesse morire, l'assicurazione coprirà il debito restante. Pertanto il soggetto non rischia di non essere più in grado di pagare il proprio debito, e la società creditrice a sua volta ha sempre la certezza di poter recuperare il proprio credito.

Solitamente i dipendenti del settore pubblico e i pensionati possono sempre accedere alla cessione del quinto (i pensionati incorrono soltanto nel limite dell'età, infatti essi dovranno rimborsare il prestito entro gli 85 anni di età). I dipendenti di aziende private invece possono accedervi soltanto se l'azienda per la quale lavorano è considerata assumibile dalla società assicurativa.

Ogni soggetto può richiedere solo una cessione del quinto, egli potrà rinnovarla soltanto dopo che sia trascorso il 40% della sua durata (a titolo di esempio, una cessione del quinto di durata decennale, può essere rinnovata soltanto dopo che siano trascorsi quattro anni). Qualora il soggetto decida di rinnovarla, la nuova cessione dovrà prima estinguere la precedente, la somma rimanente (che non può essere inferiore al 10% del montante lordo) sarà erogata al soggetto. La cifra massima che ogni soggetto può ottenere dipende dall'ammontare del quinto dello stipendio. Maggiore è il quinto, maggiore sarà il montante lordo, e maggiore sarà la cifra che il richiedente potrà ottenere.

La durata del prestito non può essere inferiore ai 2 anni, né maggiore di 10. Qualora il soggetto abbia un contratto a tempo determinato, la durata massima non potrà superare la scadenza di quest'ultimo.

Su Segugio, nella sezione dedicata ai prestiti con cessione del quinto, è possibile confrontare le offerte dei principali Istituti che offrono questo tipo di finanziamento e fare subito la richiesta.

A cura della Redazione
Come valuti questa notizia?
Prestiti: guida alla cessione del quinto Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI:
Viaggio tra i finanziamenti senza busta paga pubblicato il 16 ottobre 2019
Un prestito per ogni esigenza pubblicato il 17 ottobre 2019
Se finalizzato, il credito costa meno pubblicato il 13 ottobre 2019
Cessione del quinto, in arrivo le nuove regole pubblicato il 02 aprile 2017
Prestiti senza garanzie: cosa c’è da sapere pubblicato il 25 febbraio 2018
CONSULENZA GRATUITA
OPPURE CLICCA QUI PER ESSERE RICHIAMATO
PRESTITI PERSONALI