logo segugio.it
Chiama gratis 800 999 555 Chiama gratis 800 999 555

Fideiussione

Il contratto di fideiussione permette ad un terzo soggetto di aggiunge la sua responsabilità a quella del debitore, garantendo così l’adempimento degli impegni presi. In questo modo il creditore ha una doppia garanzia.

mano che regge ombrello colorato
Il contratto di fideiussione: doppia garanzia per il creditore

La fideiusssione è il contratto disciplinato dall’art. 1936 del Codice civile attraverso il quale il fideiussore si obbliga personalmente verso il creditore garantendo l’adempimento di un'obbligazione altrui. La fideiussione è efficace anche se il debitore non ne ha conoscenza. Si tratta in sintesi della possibilità di rafforzare una obbligazione aggiungendo una garanzia ulteriore rispetto a quella fornita dal debitore che ha stipulato il contratto, mediante un accordo tra un terzo, che intende garantire il credito e il creditore.

Viene utilizzata frequentemente nei contratti di credito quando la banca o la finanziaria che eroga il prestito, a seguito di un’analisi del merito credito, ritiene opportuno accrescere la capacità reddituale del debitore principale. La caratteristica fondamentale della fideiussione consiste nel fatto che il fideiussore non è parte nel contratto, infatti non assume la qualifica di debitore in quanto l’obbligazione viene contratta da una persona terza. La natura della fideiussione è quella di essere un’obbligazione personale essendo una promessa al pagamento e non vincolando, infatti, beni mobili, titoli o beni immobiliari appartenenti al patrimonio del fideiussore.

Attenzione! Si parla molto spesso del fideiussore confondendolo con la figura del coobbligato (termine usato in modo improprio nel gergo finanziario, ma nozione sconosciuta nel sistema delle leggi in Italia), che sarebbe meglio chiamare altro debitore, in quanto il fideiussore non riceve alcuna somma derivante dal contratto verso il quale garantisce l’obbligazione.

La fideiussione comporta un'obbligazione in solido con il debitore, non può essere superiore alla cifra dovuta al creditore e, qualora questo eserciti il suo diritto facendosi pagare dal fideiussore al posto del debitore principale, al fideiussore è consentito rivalersi nei confronti della persona che ha garantito.  La fideiussione può essere prestata anche per debiti futuri mediante un accordo specifico tra una banca e il fideiussore stesso (fideiussione omnibus).

Ultimo aggiornamento dicembre 2021

Termini correlati