Chiama gratis 800 999 555 Chiama gratis 800 999 555

Auto in Europa: agosto in frenata per le immatricolazioni

Le immatricolazioni di nuove auto in Europa sono calate in agosto del 19,1 per cento, dopo essere diminuite in luglio del 23,2 per cento. Lo rende noto l’Acea. Nei primi otto mesi l’Italia mette a segno la migliore performance, più 30,9 per cento, tra i maggiori quattro mercati del continente.

Pubblicato il 24/09/2021
Andamento del mercato dell'auto europeo nei mesi di luglio e agosto

Il mercato europeo dell’auto tira il freno, proprio mentre i produttori affrontano problemi non indifferenti come la stentata partenza delle infrastrutture per i veicoli elettrici o la carenza di forniture come i semiconduttori (diventati fondamentali nella mobility green).

Dopo avere subito in luglio una significativa battuta d'arresto dopo quattro mesi di crescita (vendite in calo del 23,2%), in agosto le immatricolazioni in tutta l'Ue sono diminuite del 19,1% annuo, per raggiungere 622.993 unità. La sterzata, secondo quanto emerge dai dati Acea, è stata pressoché generalizzata. Per il secondo mese consecutivo, per esempio, i maggiori mercati hanno registrato cali a doppia cifra: Spagna (-28,9%), Italia (-27,3%), Germania (-23,0%) e Francia (-15%).

Brilla il mercato italiano nei primi otto mesi

A pesare è stata una combinazione di fattori che comprende, in particolare, la fine degli incentivi statali in diversi Paesi e il periodo estivo, che solitamente coincide con un netto calo delle frequentazioni dei concessionari. Nonostante questo passo falso, comunque, il bilancio dei primi otto mesi del 2021 è positivo: le vendite sono aumentate complessivamente dell'11,2% tendenziale a 6,8 milioni di nuove autovetture.

Nella prima parte, infatti, la domanda è stata più che vivace, alimentata sia dagli automobilisti che avevano rinviato l’acquisto a causa del Covid, sia dalle agevolazioni per i veicoli meno inquinanti e sia da un mercato del credito che ha continuato ad avere tassi di interesse sui prestiti finalizzati all’acquisto di un’auto molto convenienti.

Di riflesso, tutti e quattro principali mercati Ue hanno registrato tra gennaio e agosto una crescita positiva: in questo caso spetta all’Italia la migliore performance (+30,9%), seguita da Francia (+12,8%), Spagna (+12,1%) e Germania (+2,5%).

Acquista l'auto dei tuoi sogni con un prestito fai subito un preventivo

Il bilancio rispetto al 2019 è di segno negativo

Il dato relativo al periodo gennaio-agosto per mercato dell’Europa Occidentale (Ue+Efta+UK) con vendite di auto ìaumentate del 12,7% annuo è fuorviante per la forte compressione subita a causa del Covid nel 2020. Il rimbalzo era scontato.

Per capire l’esatta condizione del mercato gli esperti invitano infatti a ‘leggere’ i dati di quest’anno insieme a quelli del 2019, anno pre-pandemia. Dal confronto emerge che, nel gennaio-agosto 2021 le immatricolazioni nell’Europa Occidentale sono calate del 24,4%, mentre alla fine del primo semestre il calo era del 23%. C’è stato dunque un ulteriore peggioramento che, secondo gli esperti di Promotor, rischia di accentuarsi dei prossimi mesi per la crisi dei semiconduttori.

Solo la Norvegia sopra i livelli pre-Covid

In altre parole, la risalita del mercato ai livelli pre-Covid si sta rivelando alquanto difficile e molto lenta. Avendo come riferimento sempre il 2019, l’ufficio studi di Promotor ha rilevato alcuni aspetti interessanti. Il primo è che dei 30 Paesi dell’Europa Occidentale solo il piccolo mercato della Norvegia, sostenuto da massicci incentivi alle soluzioni elettriche, è in crescita (+11,5%).

Inoltre, se si considerano i cinque maggiori mercati in cui si concentrano quasi tre quarti delle vendite, il risultato peggiore è della Spagna (-33,4%), seguita da Regno Unito (-27,5%), Germania (-27%) e Francia (-23,3%). Il mercato italiano è riuscito a contenere i danni (-20% dai primi otto mesi del 2019) grazie agli incentivi adottati dal Governo anche per le vetture più richieste dal pubblico, ma comunque con emissioni contenute.

A cura di: Fernando Mancini

Articoli correlati


Richiesta di contatto×
Espandi