Chiama gratis 800 999 555 Chiama gratis 800 999 555

Cessione del quinto a 35 anni: tutte le offerte

Un prestito semplice e comodo da richiedere. Con la cessione del quinto il rimborso viene effettuato dal datore di lavoro o dall’istituto di previdenza nel caso il richiedente fosse un pensionato. Di offerte rivolte ai giovani ve ne sono tante sul mercato.

Pubblicato il 03/09/2020

Puoi rimborsare il capitale ottenuto in prestito con l’addebito direttamente sullo stipendio. La cessione del quinto è tra i finanziamenti più semplici e comodi presenti sul mercato. Parliamo di un finanziamento a tasso fisso che prevede un rimborso a rate costanti. A differenza, però, di altri prestiti, il rimborso viene effettuato dal datore di lavoro o dall’istituto di previdenza qualora si fosse pensionati.

L’importo viene trattenuto, infatti, dal netto in busta paga e non può andare oltre la quinta parte dello stipendio netto mensile. Ad accedere a questa tipologia di prestito possono essere i dipendenti pubblici, statali e privati, e i pensionati.

Con Segugio.it puoi confrontare le migliori offerte disponibili e ricevere in pochi istanti un preventivo di cessione del quinto gratuito e personalizzato.

I migliori prestiti per un 35enne

Facciamo una simulazione e ipotizziamo che un dipendente pubblico di 35 anni faccia richiesta di un prestito con cessione del quinto dello stipendio. Supponiamo che il richiedente abiti a Milano e che l’importo della rata sia pari a 200 euro e la durata del finanziamento sia di 84 mesi. La rilevazione prestiti è stata effettuata nella giornata del 3 settembre.

Al primo posto si piazza la Cessione del Quinto di Banca Nuova Terra con un netto erogato di 14.657,02 euro (Taeg 4,02% e Tan 3,95%). Questo prestito si rivolge sia ai lavoratori che ai pensionati. I richiedenti devono avere un’età compresa tra i 18 e i 75 anni. Alla scadenza l’età massima deve essere di 80 anni non compiuti.

Ottenuta la richiesta di finanziamento, la banca contatta il cliente e fornisce le informazioni sui passi necessari all’ottenimento del prestito. L’importo viene erogato sul conto del richiedente e il rimborso viene effettuato dal datore di lavoro o dall’ente previdenziale presso cui il cliente è dipendente o pensionato, mediante addebito diretto su stipendio o pensione.

Vantaggiosa anche la cessione del quinto di Pitagora con un netto erogato di 14.450,79 euro (Taeg 4,46% e Tan 4,30%). Le spese iniziali ammontano a 36,21 euro. Il prestito si rivolge a chi ha reddito da lavoro dipendente (lavoratori privati, pubblici o statali) e a pensionati con età compresa tra i 18 e gli 84 anni. L’importo massimo finanziabile è pari a 75.000 euro.

L’istruttoria della pratica cambia in base al tipo di lavoratore, alla durata e all’importo finanziato. Le durate previste sono: 60, 72, 84, 96, 108 e 120 mesi. Assenti sia spese mensili che annuali. Prevista la sottoscrizione obbligatoria di un’assicurazione rischio vita e rischio impiego che garantisca, in caso di mancato pagamento, la copertura dell’importo ancora dovuto. Le spese assicurative sono a carico della banca.

Il consumatore ha il diritto di rimborsare il credito anche prima della scadenza del contratto, in qualsiasi momento, in tutto o in parte. L’esito della valutazione da parte della banca viene comunicato tramite posta elettronica. La prima rata è sempre indicata nel contratto.

Conveniente infine la Cessione del Quinto di Bnl Finance che prevede un netto erogato di 14.383,51 euro (Taeg 4,46% e Tan 4,30%). Assenti le spese iniziali. Questo prestito è riservato ai lavoratori dipendenti (privati, pubblici e statali) che hanno un’età compresa tra i 18 e i 65 anni. Ad accedere al finanziamento anche i pensionati con età compresa tra i 50 e gli 83 anni. L’età massima alla scadenza del finanziamento deve essere di 85 anni.

Necessaria un’assicurazione rischio vita-rischio impiego. Attualmente la polizza è sottoscritta dal finanziatore con pagamento del premio a suo carico. Non sono, inoltre, previste garanzie reali o personali. Il cliente può anche decidere di rimborsare anticipatamente, tutto o in parte, il finanziamento.

I documenti richiesti per accedere al finanziamento sono: codice fiscale o tessera sanitaria, documento d’identità in corso di validità, ultime due buste paga o cedolino pensione se pensionato; ultima certificazione unica; modello Obis/M per pensionati. L’importo sarà erogato direttamente sul conto corrente mediante bonifico bancario.

A cura di: Tiziana Casciaro

Articoli correlati


Richiesta di contatto×
Espandi