Chiama gratis 800 999 555 Chiama gratis 800 999 555

Cessione del quinto: le migliori offerte a gennaio 2021

Sia la cessione del quinto dello stipendio che della pensione vengono concessi senza difficoltà, in quanto il rimborso è garantito dalla presenza di un salario o di una pensione. Anche chi ha avuto problemi di credito in passato può far richiesta di questo tipo di finanziamento.

Pubblicato il 29/01/2021

I prestiti con cessione del quinto sono richiedibili solo da pensionati e da dipendenti pubblici e privati. Si tratta di finanziamenti a tasso fisso con una durata massima di 120 mesi. La particolarità di questo prestito sta nel fatto che l'addebito della rata avvenga direttamente sullo stipendio o sulla pensione. La rata mensile, che viene appunto trattenuta dallo stipendio o dalla pensione, non può andare oltre un quinto dell'importo totale della busta paga.

I lavoratori dipendenti, oltre alla cessione del quinto dello stipendio, possono far ricorso anche al prestito delega, noto anche come doppio quinto. In questo caso la rata mensile del prestito può arrivare fino a un massimo del 40% del salario.

Sia la cessione del quinto dello stipendio che della pensione vengono concessi senza difficoltà dal momento che il rimborso è garantito: ad assicurare il pagamento della rata è proprio la presenza di un salario o di una pensione. Anche chi ha avuto problemi di credito in passato può far richiesta di questo finanziamento.

Le migliori offerte di inizio anno

Ipotizziamo che un dipendente pubblico faccia richiesta di un prestito con cessione del quinto dello stipendio. Supponiamo che il richiedente sia un 41enne di Milano che percepisce uno stipendio netto mensile di 1650 euro, che l'importo della rata sia di 250 euro e che il finanziamento abbia una durata di 8 anni.

Tra i migliori prestiti Cqs c'è la Cessione del quinto di Banca Nuova Terra con un netto erogato di 20.733,75 euro (Taeg 3,78% e Tan 3,71%). Questo prestito si rivolge a chi ha reddito da lavoro dipendente (sia pubblico, privato che statale) o da pensione. I richiedenti devono avere un'età compresa tra i 18 e i 75 anni. L'età massima per i dipendenti è di 65 anni; l'età massima alla scadenza è di 80 anni non compiuti.

L'importo finanziabile è fino al massimo consentito dalla quota cedibile. Si tiene anche conto dei parametri assuntivi previsti dalle compagnie assicurative. Obbligatoria un'assicurazione Rischio vita-Rischio impiego che verrà sottoscritta dal finanziatore.

L'importo del prestito viene erogato mediante bonifico bancario sul conto corrente del richiedente. Il rimborso viene effettuato dal datore di lavoro o dall'ente previdenziale presso cui il cliente è dipendente/pensionato.

Conveniente per un dipendente anche la Cessione del quinto di Findomestic con un netto erogato di 20.602,11 euro (Taeg 3,95% e Tan 3,88%). Questo prestito è destinato a chi ha reddito da lavoro dipendente o da pensione con età compresa tra i 18 e i 75 anni. Le spese assicurative sono a carico dell'istituto finanziatore. L'esito della richiesta viene comunicato a mezzo posta elettronica.

Pitagora propone una Cessione del Quinto con un netto erogato di 20.240,04 euro (Taeg 4,44% e Tan 4,28%). Le spese iniziali ammontano a 50,72 euro. A richiedere questo prestito possono essere sia i lavoratori dipendenti sia i pensionati con età compresa tra i 18 e gli 84 anni.

L'importo massimo finanziabile è di 75mila euro. L'istruttoria della pratica varia a seconda del tipo di lavoratore, dell'importo finanziato e della durata del prestito. Assenti sia le spese mensili che annuali. Prevista la sottoscrizione obbligatoria di un'assicurazione rischio vita e rischio impiego che assicuri, in caso di insolvenza, la copertura dell'importo ancora dovuto. Il consumatore ha il diritto di rimborsare il credito anche prima della scadenza del contratto, in qualsiasi momento, in tutto o in parte.

L'importo viene erogato mediante bonifico bancario sul conto corrente del richiedente. La prima rata è sempre indicata nel contratto e verrà pagata entro e non oltre il secondo mese successivo alla data della messa a disposizione del cliente della totalità delle somme.

A cura di: Tiziana Casciaro

Articoli correlati


Richiesta di contatto×
Espandi