logo segugio.it
Chiama gratis 800 999 555 Chiama gratis 800 999 555

Centralizzazione delle Informazioni

La centralizzazione delle informazioni consente di poter condividere dei dati, attraverso dei sistemi che vengono aggiornati costantemente dagli stessi aderenti che lo consultano.

numeri e grafico luminoso su pc
Come avviene la centralizzazione delle informazioni

È una metodologia di condivisione di informazioni da parte di diversi soggetti aderenti attraverso una piattaforma comune, con lo scopo di fornire al sistema una serie di informazioni che lo tengono aggiornato costantemente da una parte e, dall’altra, consentono ai partecipanti di prelevare gli elementi necessari per il proprio funzionamento.

In sostanza è un conto corrente con un dare/avere di dati, che garantisce un’immediatezza nell’accesso alle informazioni e contemporaneamente consente di condividere le proprie. Il principio è la base della conoscenza scientifica, ma l’applicazione, specie con il progresso dell’informatica, abbraccia numerosi settori dell’Economia e delle Istituzioni.

Nel sistema finanziario la centralizzazione delle informazioni è presente con piattaforme pubbliche e private. Le prime sono gestite dalla Banca D’Italia e sono rappresentate dalla Centrale Rischi, un data base al quale devono aderire obbligatoriamente gli intermediari finanziari per segnalare le operazioni relative alla propria clientela, con lo scopo di fornire alle istituzioni pubbliche una situazione aggiornata sullo stato di solidità e affidabilità del sistema finanziario.

La Centrale Rischi svolge una funzione di certificazione in relazione allo stato di insolvenza di un consumatore o, al contrario, della qualità di buon pagatore nel caso di impegni finanziari regolarmente assolti.

Le banche dati private, come quelle aderenti al circuito SIC (CRIF Experian, Eurisc, CTC, etc.), sono invece dei data base a partecipazione facoltativa, dove gli aderenti aggiornano, solitamente con cadenza mensile, le informazioni relative ai pagamenti della propria clientela e hanno la possibilità di consultarle nel caso in cui ricevono una nuova richiesta di finanziamento, per la quale devono procedere all’analisi di merito credito del richiedente.

La loro funzione è quella di prevenire le frodi, segnalare le posizioni dei consumatori, sia quelli problematici (cattivi pagatori) che quelli regolari e fornire una valutazione, o Bureau Score, per le nuove richieste di finanziamento.

Termini correlati