logo segugio.it
Chiama gratis 800 999 555 Chiama gratis 800 999 555

Le migliori cessioni del quinto per pensionati di giugno 2022

Una delle caratteristiche dei prestiti con cessione del quinto è che la rata mensile viene trattenuta direttamente dallo stipendio o dalla pensione fino a un quinto dell'importo totale della busta paga o del cedolino. Dunque, questi finanziamenti sono concessi sempre perché il rimborso è garantito.

Pubblicato il 16/06/2022
pensionati si abbracciano sorridenti
Le migliori cessioni del quinto di giugno 2022

I prestiti con cessione del quinto sono riservati a chi percepisce un reddito fisso, come uno stipendio o una pensione. I destinatari sono dipendenti pubblici, privati o pensionati. Le rate vengono addebitate direttamente in busta paga o nel cedolino della pensione, rispettivamente dal datore di lavoro o dall’ente pensionistico. Il prestito, a tasso fisso e a rate costanti, consente di disporre di una somma di denaro da rimborsare in rate di importo non superiore al 20% della pensione o dello stipendio netto mensile.

La cessione del quinto rientra nella categoria di prestiti non finalizzati: il richiedente non deve specificare come verrà usato il denaro, ma per ottenere il finanziamento dovrà sottoscrivere un’assicurazione che garantisca il pagamento del debito residuo in caso di perdita di lavoro o di decesso.

Vediamo quali sono le migliori cessioni del quinto per pensionati a giugno 2022. Partiamo da una simulazione con rata di 300 euro per una durata del prestito di 10 anni. Supponiamo che il richiedente sia un pensionato di 68 anni residente a Roma, con un anno di anzianità pensionistica e pensione di 1900 euro. La rilevazione è stata effettuata nella giornata di giovedì 16 giugno e presenta come soluzioni più convenienti:

  • Cessione del quinto CreditOnline di Centro Finanziamenti,
  • Cessione del quinto della pensione di Bibanca.
Scopri la convenienza della cessione del quinto Fai un preventivo

Al primo posto troviamo la Cessione del quinto CreditOnline di Centro Finanziamenti con un netto erogato di 28.370,40 euro (Tan fisso 4,92% e Taeg 5,05%). Questo prestito è destinato a chi ha reddito da lavoro dipendente (sia esso privato, pubblico o statale) o da pensione con età compresa tra 18 e 83 anni. Le durate previste sono: 48, 60, 72, 84, 96, 108, 120 mesi. I clienti non devono affrontare né spese mensili, né annuali. Le spese assicurative sono, inoltre, a carico dell’istituto finanziatore. Chi richiede un prestito con cessione del quinto della pensione o dello stipendio, deve sottoscrivere obbligatoriamente un’assicurazione rischio vita e rischio impiego che garantisca, in caso di mancato pagamento, la copertura dell’importo ancora dovuto.

Per far richiesta della Cessione del quinto CreditOnline bisogna presentare una serie di documenti:

  • codice fiscale o tessera sanitaria,
  • carta di identità in corso di validità,
  • ultime due buste paga,
  • ultima certificazione unica.

Una volta ricevuta la richiesta di finanziamento, il consulente Creditonline provvede a contattare il cliente telefonicamente e tramite email, fornendo tutti i dettagli sui passi necessari all'ottenimento del finanziamento. L’importo viene erogato tramite bonifico bancario sul conto corrente indicato dal richiedente. Il rimborso viene effettuato dal datore di lavoro o dall’ente previdenziale presso cui il cliente è dipendente o pensionato tramite addebito diretto sullo stipendio o pensione.

Tra le migliori cessioni del quinto della pensione di giugno c’è anche quella offerta da Bibanca con un netto erogato di 28.229,13 euro (Tan fisso 5,04% e Taeg 5,16%). Questo finanziamento è destinato a chi ha reddito da lavoro dipendente (sia esso privato, pubblico o statale) o da pensione con età compresa tra 18 e 75 anni. La somma massima finanziabile consentita dipende dalla quota cedibile e nei limiti dei parametri assuntivi previsti dalle compagnie assicurative. I clienti non devono affrontare né spese mensili, né annuali, ma dovranno sottoscrivere obbligatoriamente un’assicurazione. Attualmente la polizza è sottoscritta dal finanziatore, quale contraente e beneficiario, con pagamento del premio a carico dello stesso. Il cliente è l’assicurato. Il finanziamento è assistito, infatti, obbligatoriamente per legge e per tutta la sua durata da una copertura assicurativa a garanzia del rischio vita per i pensionati e del rischio vita e impiego per i dipendenti.

I pensionati che vogliono far richiesta di questo prestito devono presentare una serie di documenti, quali:

  • tessera sanitaria o codice fiscale,
  • documento di identità,
  • ultima busta paga o ultimo cedolino della pensione,
  • codice Iban del conto corrente.

L’esito della richiesta verrà comunicato da Bibanca previa valutazione del merito creditizio. La prima rata è sempre indicata nel contratto e viene pagata entro e non oltre il secondo mese successivo alla data della messa a disposizione della somma richiesta dal cliente.

A cura di: Tiziana Casciaro

Articoli correlati