logo segugio.it
Chiama gratis 800 999 555 Chiama gratis 800 999 555

Quanto tempo ci vuole per approvare un finanziamento auto?

Le tempistiche per l’approvazione di un finanziamento auto, nuova o usata, dipendono da numerosi fattori che riguardano la cifra richiesta, l'incidenza della rata sul reddito del consumatore, la presenza di uno storico e la sua qualità di buon pagatore.

cliente che aspetta l'esito
Come sono le tempistiche per i finanziamenti auto

L’approvazione di un finanziamento auto può avere delle tempistiche variabili in base a numerosi fattori. Se ci si pone il problema significa che si è già in una fase avanzata dell’acquisto, in quanto è già stata effettuata la scelta del mezzo ed è stato individuato il venditore più conveniente con cui avviare la contrattazione circa i principali aspetti:

  • caratteristiche del mezzo,
  • eventuali dotazioni opzionali,
  • tempi di consegna,
  • prezzo dell’auto,
  • condizioni di vendita, relativamente agli anticipi e al saldo, solitamente coincidente con la consegna dell’auto. 

Si sta arrivando in prossimità della conclusione dell’operazione, per cui l’attenzione nei confronti del finanziamento è massima, soprattutto se è la chiave di volta per chiudere l’acquisto.

Bisogna tenere presente che ci sono dei requisiti essenziali che hanno una influenza positiva sui tempi di approvazione, in quanto agevolano il lavoro del valutatore che esamina la richiesta, come schematizzato nella tabella seguente:

 

Fattori che velocizzano l'approvazione del prestito
Reddito La presenza di un reddito dimostrabile, congruo e consolidato nel tempo
Storicità La presenza di altri finanziamenti pagati regolarmente (Buon Pagatore)
Documenti I documenti più sono completi ed esaustivi minore sarà la richiesta di integrazioni
Finanziamenti È preferibile non avere altri finanziamenti in corso o, se presenti, che siano con bassa incidenza

Abbiamo appena descritto la richiesta che potrebbe consentire di ottenere un parere di finanziabilità in tempi realmente brevi.

Acquista l'auto dei tuoi sogni con un prestito Fai un preventivo

Quali fattori fanno allungare i tempi di approvazione di un finanziamento auto?

Se esistono le condizioni ideali per arrivare all’erogazione di un finanziamento auto in tempi rapidi, esistono, di contro delle situazioni in cui il valutatore impiega attenzioni e procedure diverse, che influiscono immediatamente sui tempi del processo, allungandoli inevitabilmente. Per sommi capi potrebbero essere le situazioni collegate ai seguenti fattori:

 

Fattori che rallentano l'approvazione del prestito
Importo Al crescere degli importi in richiesta corrispondono tempi più lunghi di valutazione
Sopportabilità L'incidenza della rata sul reddito netto disponibile in prossimità del 33% rapporto rata/reddito
Pregresso L'assenza di riferimenti sui pagamenti di precedenti finanziamenti

Tutti questifattori influiscono negativamente sui tempi di valutazione, specie in presenza di regole di credito interne alle banche o finanziarie che prevedono il ricorso a sistemi automatizzati di Credit Scoreper valutare le richieste.

L’importo del finanziamentorichiesto è il primo parametro che impatta sulle tempistiche perché, al suo crescere,aumenta esponenzialmente il rischio di creditoconseguente. Nei finanziamenti per la macchina, dati i prezzi correnti del nuovo, specie se riferito alla tendenza all’acquisto delle auto a basse emissioni inquinanti, ibride o elettriche, è facile trovarsi a richiedere cifre importanti. Se poi si tiene conto che per la stragrande maggioranza delle banche o finanziarie, l’importo massimo erogabile ad operazione è di€ 30.000, è facile capire come lasoglia di allertadei valutatori aumenti quanto più ci si trova vicini a questa somma.

Stesso discorso per il rapporto rata-reddito, ossia quanto la rata mensile va a pesare sul reddito disponibile. Banca d’Italia raccomanda di non superare la soglia della terza parte del reddito mensile, ossia il 33%, per cui è facile intuire che, più ci si avvicina a questa indicazione, più aumentano la cautela e le attenzioni, e conseguentemente i tempi impiegati nella valutazione.

La storicitàè un altro fattore molto importante nella valutazione di una richiesta di finanziamento in quanto è un'indicazione, ottima nel caso del buon pagatore, sul profilo di rischio di creditocollegato all’operazione; essere già stati clienti della banca o finanziaria interessata dall’operazione è sicuramente un vantaggio rispetto a chi non lo è stato, soprattutto in presenza di pagamenti regolari senza disguidi di sorta. È quindi facile intuire, anche in questo caso, le cautele usate e di conseguenza l’allungamento delle tempistiche, nel valutare un nuovo cliente, che, magari, non ha mai fatto un prestito prima e di conseguenza non ha nessuna evidenza rilevabile dalle banche dati.

Com’è possibile ottimizzare i tempi per approvare un finanziamento auto?

L’argomento è sicuramente spinoso e quando ci imbattiamo, da consumatori, in una problematica come questa, non sempre alcuni meccanismi sono di comprensione immediata. L’utilizzo di un sito comparatore come Segugio.it può comunque essere un valido ausilio nell’affrontare un finanziamento per comprare l’automobile in maniera efficace e tempestiva. Grazie alla grande offerta delle più importanti Banche e Finanziarie Partner operanti sul mercato dei finanziamenti in Italia è possibile, completamente online, ottenere dei preventivi immediati, chiari e trasparenti, con una completezza di informazioni esaustiva, tra le quali spiccano, ad esempio:

  • tempi medi di erogazione della richiesta;
  • l’indicazione della probabilità di approvazione grazie allo strumento dell’indicatore di finanziabilità, che ci fornisce con una grafica a cruscotto un’ipotesi di approvazione calcolata sulla media delle richieste simili, effettivamente finanziate dalla banca o finanziaria nel passato.

E se non bastasse, grazie al servizio diassistenza clienti di Segugio.it è possibile avvalersi della consulenza degli Esperti del Credito in grado di dare tutte le indicazioni necessarie per ottimizzare i tempi e arrivare a una rapida erogazione.

A cura di: Carlo Unali

Domande correlate